Quali possibili proprietà benefiche e controindicazioni possono avere i funghi?

Da secoli i funghi sono conosciuti come ingrediente di numerose ricette di primi e secondi piatti, ma in realtà sono anche utilizzati come ottimo rimedio naturale. L’utilizzo in cucina di questo ingrediente riguarda principalmente la preparazione del risotto, uno dei piatti più conosciuti  a base di questo alimento.

In molti amano i funghi non solo per il loro tipico sapore, ma anche perché appassionati della raccolta. Alcuni funghi possono anche essere coltivati a casa, ma è necessario sapere distinguere quelli commestibili da quelli velenosi. Ecco perché in caso di dubbi è sempre meglio fare dare uno sguardo a un esperto.  Scopriamo insieme quali sono le principali caratteristiche, le possibili proprietà benefiche e controindicazioni ma anche come utilizzare questo delizioso alimento.

Caratteristiche

I funghi porcini sono i migliori tra quelli presenti in natura, facili da riconoscere quando ci si appresta ad acquistarli. Il cappello possiede un colore uniforme, marrone chiaro oppure leggermente più scuro, turgido al tatto così come la parte inferiore che deve essere compatta. Il gambo, invece è di colore chiaro, turgido in modo che quando lo si separa dal cappello non si rompa.

Quando vuoi acquistare dei funghi porcini scegli quelli che hanno un po’ di terra sulla base del gambo, in quanto significa che sono stati raccolti da poco. Se sono umidi potrebbero essere stati lavati, una cosa che viene sconsigliata per non alterare il sapore.

Proprietà e possibili effetti benefici

I funghi sono ricchi di carboidrati, proteine, sali minerali e vitamine. Tra i sali minerali possiamo trovare il calcio, il ferro, il selenio e il manganese. Inoltre contengono vitamine del gruppo B, folati, lisina e triptofano come proteine, sostanze antiossidanti che vengono considerate utili in quanto possono aiutare a contrastare l’invecchiamento e i danni causati dai radicali liberi al nostro organismo.

Studi scientifici nel corso degli anni hanno dimostrato come i funghi siano ricchi di selenio e sostanze nutritive, il cui consumo può aiutare a rinforzare le difese immunitarie. Nei funghi possiamo trovare la vitamina B3 che è necessaria al nostro organismo per un corretto funzionamento del sistema nervoso e l’ossigenazione del sangue. La vitamina B2 è invece, importante per la produzione dei globuli rossi e per il funzionamento del metabolismo.

I fughi per via di queste proprietà, sono da sempre considerati ottimi alleati del sistema immunitario e utilizzati come rimedio naturale per aiutare a proteggere il corpo dai malanni stagionali. Tra i possibili effetti benefici dei funghi possiamo dire che:

  • possono aiutare a favorire la normalizzazione del livello di colesterolo cattivo nel sangue;
  • possono aiutare a rafforzare le difese immunitarie durante i cambi di stagione;
  • possono aiutare a contrastare l’invecchiamento per via dell’elevato contenuto di antiossidanti;
  • possono aiutare a favorire la normalizzazione dei livelli di colesterolo nelle arterie.

Ovviamente il consumo dei funghi è da inserire all’interno di un regime alimentare vario, sano e bilanciato associato a uno stile di vita sano nel quale si pratica attività fisica.

Modalità di utilizzo

In cucina

I funghi sono tra gli alimenti più utilizzati nella cucina mediterranea per la preparazione di gustose ricette, come il famoso risotto ai funghi. Sono un ingrediente molto amato dagli italiani, utilizzato per condire i primi piatti, per accompagnare i secondi a base di carne e come contorno insieme alle verdure.

In medicina

I funghi non sono solo un ingrediente che viene utilizzato in cucina, in quanto sempre più frequentemente si sente parlare di “funghi medicinali”. Si parla al momento, secondo diverse ricerche condotte in tal proposito, dell’utilizzo dei funghi come ingrediente di prodotti da assumere su indicazione medica per aiutare a prevenire gli squilibri dell’organismo o come coadiuvanti delle funzioni fisiologiche.

Il cosiddetto fungo dell’immortalità, conosciuto come Reishi, è quello che sta maggiormente attirando l’attenzione degli scienziati e dei trattamenti naturali. Si tratta di una varietà ricca di antiossidanti, con una possibile azione antinfiammatoria naturale, antibatterica e antivirale che sembra essere in grado una volta consumato di potere aiutare a ridurre lo stress, l’ansia, la sensazione di stanchezza.

Tra le possibili proprietà può aiutare a proteggere il fegato, a regolare il colesterolo, la glicemia e la pressione sanguigna, a diminuire le reazioni dell’organismo in caso di allergie. Quest’ultima caratteristica è legata alla presenza di una tipologia di acidi che possono limitare la produzione dell’istamina.

Controindicazioni e possibili effetti indesiderati

Consumare grandi quantità di funghi può essere controindicato per l’organismo. Essendo un alimento energetico, un abbondante consumo può provocare degli squilibri digestivi con possibili effetti indesiderati come nausea, mal di testa e apatia.

I funghi porcini non sono velenosi ma vanno mangiati quando si è certi della loro provenienza. Esistono in natura altre specie di funghi che potrebbero essere tossici o mortali. Se non conosci bene le varietà e raccogli dei funghi nel bosco, consulta un micologo esperto o rivolgiti all’ASL a te più vicina. Quelli che puoi acquistare al supermercato sono invece, controllati e quindi possono essere consumati tranquillamente.

Un altro fattore da considerare è l’interazione tra funghi e farmaci che alcune volte possono risultare incompatibili. Chiedi consiglio al tuo medico se hai qualche dubbio in merito.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi