Zuppa di miso: proprietà e possibili effetti benefici, modalità di utilizzo in cucina

La zuppa di miso è anche conosciuta con il nome di “misoshiru”, uno dei piatti più apprezzati della cucina giapponese. Si tratta di una zuppa a base di brodo, pasta di miso e ingredienti vegetali che viene consumata ogni giorno in Giappone perché ricca di sostanze nutrienti.

Un piatto non solo gustoso ma anche ricco di possibili proprietà benefiche. Vediamo quali sono le principali caratteristiche di questo piatto, come cucinarlo e quali sono i possibili effetti benefici.

Cos’è la zuppa di miso?

La zuppa di miso è una delle pietanze più apprezzate in Giappone. Come si può intuire dal nome, l’ingrediente fondamentale per la preparazione è il miso, una pasta che si ottiene dalla fermentazione dei semi di soia gialla con sale marino e un cereale tra orzo, riso, segale, grano saraceno o miglio, in base alla stagionalità e alla zona in cui viene prodotto il miso.

Un altro ingrediente che viene utilizzato è il “dashi”, un leggero brodo di pesce preparato con “alga kombu” e scaglie di tonnetto essiccato. A questi ingredienti se ne aggiungono come il tofu e il negi, una pianta simile all’erba cipollina, le carote, la cipolla, i gamberetti e i funghi. Una serie di ingredienti gustosi ricchi di proprietà che possono essere benefiche per l’organismo. Ecco perché la zuppa di miso è un piatto apprezzato dalla tradizione giapponese e non solo.

Zuppa di miso proprietà benefiche

Secondo la tradizione giapponese, la zuppa di miso è un piatto che può reintegrare le energie spese nell’arco della giornata. Il miso è un alimento ricco di enzimi e antiossidanti, che possono aiutare il nostro organismo ad eliminare le scorie.

La zuppa di miso è molto ricca di proteine che sono facilmente assimilabili dal nostro organismo, che la rendono un piatto ideale per essere consumato all’interno di una dieta vegana e vegetariana. Inoltre, è ricca di lactobacilli che possono aiutare a riequilibrare la flora batterica intestinale oltre che a favorire l’aumento delle difese immunitarie.

L’insieme di queste caratteristiche ci consentono di dire che la zuppa di miso è adatta all’alimentazione dei bambini che possono rinforzare le difese immunitarie, nelle stagioni più fredde dell’anno. Il miso contiene una grande quantità di “genisteina”, una sostanza che può essere benefica per il nostro organismo.

Modalità di utilizzo in cucina

La zuppa di miso è un alimento che nasce da un’antica tradizione giapponese, il cui ingrediente principale è il miso uno dei derivati della soia che viene utilizzato in Oriente. Questo alimento è ricco di proteine che sono facilmente digeribili, con un alto valore biologico che viene inserito all’interno di regimi alimentari poveri di proteine di origine animale.

Dalla lunga fermentazione dei fagioli di soia gialla, ammollo ad acqua e sale marino, si ottiene il miso, a cui può essere aggiunto il riso oppure l’orzo. Il miso si presenta come una pasta di colore scuro che diluita con un po’ di acqua può servire per dare sapore come dado vegetale, aggiunto a fine cottura a zuppe, minestre, piatti di verdure cotte e cereali. Può essere servita calda con l’aggiunta di verdure, alghe marine o tofu.

Secondo la tradizione è suggerito dai migliori chef l’utilizzo del miso non pastorizzato e di qualità bio. Alcune verdure come i cetrioli, le melanzane, le radici di daikon sono conservate in salamoia immergendole per un po’ di tempo nel miso. La carne, il pesce immersi nel miso a lungo perdono il loro odore tipico.

Oggi in commercio, sono acquistabili anche le minestre già pronte, molto convenienti in quanto occorre solamente aggiungere l’acqua bollente agli ingredienti liofilizzati contenuti nella scatola quali alghe marine e verdure. Nonostante il sapore sia differente dalle minestre di miso preparate con miso fresco, la minestra istantanea è molto gradevole e la liofilizzazione non porta cambiamenti nella qualità e nel colore degli ingredienti.

Come si prepara la zuppa di riso?

Per la preparazione di una zuppa di miso occorrono:

  • 600 ml di dashi;
  • 4 cucchiai di miso;
  • 100 gr di tofu;
  • 4 gr di alga wakame;
  • zenzero fresco;
  • acqua.

Per la preparazione del dashi occorre tagliare l’alga kombu a pezzetti, metterla in un pentolino pieno di acqua e lasciarla in ammollo per mezz’ora. Trascorso questo tempo, metti il pentolino sul fuoco e lascialo cuocere per un quarto d’ora così da consentire all’alga di insaporire l’acqua. A questo punto, togli l’alga e versa il tutto nel pentolino. Porta a ebollizione, spegni la fiamma e lascia riposare il composto per una decina di minuti.

Terminati questi passaggi, filtra il brodo e mettilo in un pentolino che andrà nuovamente sul fuoco. Aggiungi il miso, sciogliendolo per riuscire a farlo amalgamare subito con il dashi. Mescola tutto e lascialo riposare per cinque minuti. Aggiungi una spolverata di zenzero a tuo piacimento per dare sapore alla zuppa.

Nel frattempo, metti il tofu tagliato a cubetti all’interno di una ciotola, aggiungi l’alga tagliata a pezzi e versa sopra il brodo. A questo punto, la tua zuppa di miso è pronta per essere gustata. Se preferisci una versione vegana, puoi scegliere di preparare il brodo utilizzando l’erba cipollina al posto del tonno striato essiccato. Se vuoi poi aggiungere altri ingredienti puoi farlo liberamente. Puoi ad esempio preparare una zuppa di miso con verdure aggiungendo la carota, la cipolla, i fughi e le patate come spesso avviene nella cucina occidentale.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi