Pino: descrizione, proprietà, utilizzi e controindicazioni

Il Pino comprende un genere di alberi sempreverdi, parte della famiglia Pinaceae, e può comprendere anche diverse tipologie di arbusti. Oltre a scopo ornamentale i principi attivi del pino vengono sfruttati anche in campo fitoterapico e si trovano spesso presenti all’interno delle formulazioni naturali degli integratori alimentari.

Utilizzato come un coadiuvante ai trattamenti medici il pino può aiutare a contrastare diversi disturbi respiratori, ma anche infezioni del tratto urinario, utile in caso di cistite. Nei paragrafi successivi andiamo ad approfondire tutte le sue proprietà benefiche, gli utilizzi e le eventuali controindicazioni della specie.

Pino: descrizione e habitat della specie

Il Pino comprende oltre 120 varietà differenti di alberi e arbusti sempreverdi. L’albero presenta una chioma espansa e caratteristiche foglie aghiformi raggruppate tra loro in mazzetti. Questa specie è diffusa soprattutto nei territori montani, presente lungo le Alpi e gli Appennini dove trova il suo habitat ideale. I fiori del Pino comprendo fiori dalla colorazione tra il giallo e il rossastro, un seme duro racchiuso all’interno di un ovario come tutte le conifere.

Per crescere e sviluppasi al meglio il Pino necessita di un ambiente soleggiato, ricco di luce diurna, in terreni preferibilmente sabbiosi, ma si può trovare presente anche lungo i litorali marittimi. In antichità la specie veniva considerata sacra soprattutto dai greci, mentre durante il periodo del Rinascimento il Pino veniva spesso associato ad un simbolo sinistro di morte associata al suo taglio e all’impossibilità di poter ricrescere in maniera autonoma.  La resina prodotta dal Pino veniva associata all’immortalità, mentre le sue pigne ancora chiuse alla fecondità.

Proprietà benefiche

Pur trattandosi di una specie ad albero o arbusto il Pino presenta diverse proprietà benefiche sfruttate in campo fitoterapico e medico, in veste di coadiuvante ai trattamenti, allo stile di vita sano e all’alimentazione corretta. I principi attivi ricavati dal Pino presentano una possibile azione antisettica, antireumatica ed espettorante. In sostegno alle cure il Pino può essere assunto in diverse formulazioni in caso di:

  • asma
  • bronchite
  • cistite 
  • colecistite 
  • raffreddore 
  • febbre e influenza 
  • reumatismi 
  • sinusite 
  • tosse
  • catarro 
  • infezioni renali

I principi attivi contenuti nel Pino possono apportare diversi benefici alle vie aree e polmonari, ma anche in caso di infezioni che interessano il tratto urinario e vescicale.

Utilizzi del Pino

Il Pino può essere utilizzato in diverse versioni:

  • all’interno della formulazione degli integratori alimentari
  • sotto forma di oleoresina
  • olio essenziale
  • sostanza amara
  • in aggiunta ai sali da bagno o oli da massaggio

La specie può essere impiegata per la realizzazione di decotti da applicare come disinfettante cutaneo naturale utilizzando le gemme del Pino, ideali anche per profumare gli ambienti e gli interni delle auto. L’olio essenziale di Pino viene spesso sfruttato in campo cosmetico per la realizzazione di creme, lozioni, oli, gel dalla possibile azione energizzante e stimolante, ottenuto tramite la lavorazione degli aghi.

L’olio essenziale può essere inoltre aggiunto all’interno degli inalatori come coadiuvante ai trattamenti in caso di raffreddore e presenta possibili proprietà balsamiche e sedative. L’olio essenziale ricavato dalla corteccia del Pino viene generalmente aggiunto agli oli da bagno, poiché si dimostra di qualità inferiore.

A livello alimentare si può realizzare una tisana o infuso lasciando in ammollo in acqua calda una manciata di aghi per circa 10 minuti prima di procedere al filtraggio. L’olio di Pino può essere aggiunto a quello di mandorle dolci e utilizzato per i massaggi sul corpo, utili in caso di reumatismi e dolori.

Effetti collaterali e controindicazioni

Il Pino presenta qualche effetto collaterale e controindicazione. Oltre a poter provocare casi di reazioni allergiche può dimostrarsi irritante per la pelle e le mucose. Si rende quindi necessario valutare con attenzione tutti i pro e contro del prodotto al momento dell’acquisto.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi